L’INTEGRAZIONE DELL’ESSERE

img_3576

Non importa se ancora non si avverte con chiarezza la direzione, importa compiere il primo passo.

Gli errori insegnano che si possono fare le cose in modo diverso.

Quanti errori abbiamo fatto prima di arrivare fino qui, eppure tra una curva e una salita ci siamo arrivati, alla fine nessuno è mai perduto davvero. C’è sempre la possibilità di cominciare. A noi sta volerla cogliere.

La separazione, il processo purificatorio di cui si è tanto parlato… cos’è la separazione?

Sulle prime sembra qualcosa di negativo, eppure è semplicemente “mettere in ordine”.

Ciò che ho compreso è che spesso questo processo separativo è stato fonte di giudizio, io sono buona e tu cattiva, io luce e tu ombra, io nel giusto e tu nello sbagliato… ahhh questo giudizio!!!

Siamo tutti parte della stessa medaglia, non c’è la verità assoluta, c’è l’integrazione dell’essere. Accettare che siamo tanto e che in noi è presente ogni sfumatura, senza voler essere sempre estremisti per apparire più belli, giusti, buoni.

Siamo.

Siamo un tutt’uno con il cosmo che nella sua ciclicità perfetta palesa la vita e la morte, il giorno e la notte, il procedere e il retrocedere. Tutto ha senso se osservato con gli occhi di chi vuole vedere, accettare e accettarsi.

Anche il giusto ha in sé un ombra. Anche l’ingiusto ha in sé una luce.

Noi siamo questo. Particelle divine che sperimentano la meraviglia del cammino terreno, che camminano calpestando una terra che nel suo profondo è sempre a lavoro per migliorarsi e portare in superficie nuovi frutti.
Noi siamo questo, particelle divine che sperimentano la meraviglia del cielo e osservano il movimento del cosmo, che avvertono l’influenza dei pianeti e osservano le stelle… le stelle, quelle che si vedono brillare nel cielo solo quando il buio è fitto.

Che meravigliosa danza c’è tutt’intorno!

Noi siamo questo, un’insieme di stelle che hanno bisogno del buio fitto prima di poter brillare.

Siamo particelle divine che si nutrono di Luce passando sempre attraverso il buio.

Già… restiamo in osservazione di ciò che dentro di noi vibra, ma ricordiamo sempre che il nostro specchio non risiede solo negli altri esseri che incontriamo, lo specchio, quello vero, risiede nel tutto dal quale, spesso, senza farci caso, siamo avvolti.

Il cosmo ora invia nuove vibrazioni e noi in perfetta sintonia con esso le avvertiamo e ci sentiamo stimolati a fare, cambiare, mutare direzione, costruire.
Possiamo scegliere se vibrare in armonia con esso o continuare nella vecchia direzione, non importa quale sarà la scelta di ognuno perché tutto resta perfetto. Fino a che ci adireremo per le ingiustizie avremo in noi parti di quelle ingiustizie, fino a che noteremo gli errori avremo in noi quegli errori, fino a che crederemo che qualcosa sia sbagliato avremo in noi quello sbaglio. Ma quando in noi c’è accettazione e piena integrazione nulla più ci colpisce. Tutto ciò che ci tocca è qualcosa che è in noi, quando non ci tocca vuol dire che è stato elaborato, accettato, integrato.

Domandiamoci con assoluta sincerità verso noi stessi cosa ancora ci tocca, cosa ancora rifiutiamo di accettare e mettiamoci al lavoro perché il tempo della teoria è finito, ora si passa alla pratica e un crescente numero di individui, proprio in questi giorni, sta comprendendo che le cose sono molto più profonde e significative di come spesso, con superficialità, si vedono.

Siamo tutti facenti parte della stessa medaglia, perché nell’amalgamarsi, nel fulcro, le parti si fondono danzando armoniosamente e, in quel centro, tutto è perfetto.

Smettere di opporre resistenza accettando, questo è un grande passo avanti.

Dalla teoria alla pratica, sì, lo ribadisco, siamo nel pieno di un’accelerazione temporale senza precedenti, tutto si sussegue con velocità strabiliante, lo strumento a nostra disposizione è l’osservazione attiva. Basta solo volerlo, tutto, proprio tutto, ci sta parlando.

Vogliamo ascoltare?

Vogliamo vedere?

Vogliamo compiere questo passo?

Siate Luce!

Stefania Ricceri

7 pensieri riguardo “L’INTEGRAZIONE DELL’ESSERE

  1. Non amare è impossibile, anche nel modo più maldestro, talvolta brusco, l’uomo si accorgerà che sta amando. Riuscire a trasmetterlo, questo è quello che vogliamo. Iniziando a vibrare noi siamo gioia, siamo luce, siamo sentimento, siamo consapevoli e presenti, siamo il prossimo ed ogni incontro è preziosissima ricchezza quotidiana per permettere alla vibrazione di comunicare. Siamo davvero filamenti di luce proiettati ad un unico obiettivo, più leggeri lasciamo questo pianeta, più veloce è il ritorno alla luce. Quando un lutto, o problema mi appesantiscono, cerco il pianto, più profondo è il pianto più leggero rinasco per esistere oltre il mio bisogno. Chiedi e ti sarà dato, per il figlio dell’uomo, la porta è sempre spalancata, sempre.
    Quando nulla ti suscita un sorriso, rubalo ad un fiore.

    Lia

    Mi piace

  2. Caro Renzo
    Mi scuso se mi permetto,ma volevo ringraziarti per la tua apertura di cuore. Perché mi ha toccato nel profondo ed ha smosso e fatto quel che doveva fare..

    Da eclisse di oggi a eclisse 26 saranno due settimane di evoluzione personale sul cuore tostissima per tutti quanti,posso solo immaginare per te…!
    L’ascensione avverrà presto,tieni duro! Anch’io ho subito lutti familiari anni fa , so che non ci sono consigli che attecchiscano, tieni duro !..

    Siamo qui oltre che per un motivo di espiazione e crescita dell anima,ma per ascendere! Questo è stato il mio palliativo almeno…
    Noi di Fiamma Divina..Tu Silvia Geanina mi avete veramente aiutato con la vostra presenza quando veramente conoscevo solo Stefania e neanche su facebook.. !!!

    Un piccolo spiraglio,una flebile speranza da alimentare senza sosta..Effimera e delicata é l’attitudine alla ricerca interiore..Ogni parola é di troppo e la non detta é anche peggiore..

    Ma nel vivere si dimentica troppo facilmente di quando mente e cuore non avevano sufficientemente presa e si era spensierate anime co-creatici in armonia ed amore con tutto quel che intorno c’era…
    E servono anime speciali per farti piangere da una ferita che non era tale..ma non la si voleva più ascoltare…mi ha commosso fino a alle lacrime… Io pure Nell amare sono quel che sono..Ma Dovevamo arrivare qua così propio per affrontare questo passaggio ed imparare esattamente questa lezione in allineamento con il medesimo significato dei pianeti.

    Con tutta la mia gratitudine per il coraggio e potenza della tua condivisione, Renzo grazie. Espavo a te che sei un pilastro del nuovo mondo!

    Mi piace

    1. Un immenso grazie Caro Luca, sei un’Anima brillante e grazie per il sostegno.
      Poco fà ho lasciato un biglietto per coloro che sono andati al funerale:

      Cara Sorellina Sidonia,
      hai avuto paura, hai sofferto,
      ma io non ero presente a sostenerti,
      mi dispiace – Ti prego perdonami;
      ora so che stai bene,
      ora sei Tu a consolare me,
      ora puoi volare verso più alte vette,
      grazie – Ti amo
      renzo

      Mia Nuora Marialaura ha proposto di mettere quel messaggio tra le mani di Sidonia,
      ho favorevolmente acconsentito ringraziando per la buona idea.

      Un abbraccione a Te caro Luca, sii benedetto ora e sempre.
      Renzo

      Mi piace

  3. Cara Stefania,
    l’altro giorno mia Sorella Sidonia, la più giovane in Famiglia, ha lasciato il Corpo.
    Subito ho mantenuto la calma, ma dopo un giorno mi ha preso un’angoscia pazzesca e non tanto per la Sua mancanza, ci vedevamo pochissimo e poca utilità avevano i miei pensieri per aiutarla. L’angoscia la riferisco alla mia incapacità di non averla amata e di non amare in generale.
    E’ stata una lezione forte che mi ha dato, come dire che si è sacrificata per passarmi un messaggio di estrema importanza per me in questo periodo.
    Certo ha fatto il Suo percorso, ma da una stessa situazione si possono ricavare molti messaggi e quello è stato il mio principale e cioè vivere maggiormente una vita spiritualizzata, più profonda.
    Cos’è infine questo corpo se poi tutto d’un tratto Ti ritrovi fuori?, cos’è questa vita senza l’amore?, a cosa servono i beni materiali senza una consapevolezza di chi sono realmente?; ebbene, tanti simili pensieri hanno percorso la mia mente in questi giorni, certo tutte cose che sapevo, ma quanto le ho praticate?.
    Mi è quasi venuto il desiderio di lasciare anch’io questo corpo, ma guardando indietro vedo che ce la posso fare e vado avanti.
    L’unico mio rifugio in questa situazione è stato il canto dei santi Nomi come fanno i Devoti di Krisna, non si dovrebbero recitare per simili circostanze, ma solo per glorificare, però se non c’è altro rifugio, allora vengono accettati, purchè vi sia un impegno concreto a migliorare.
    Vorrei dire molto di più, ma forse è fuori tema e comunque mi son confidato con Te che sei adorabile.
    Scusami se Ti può apparire come uno sfogo, ma sento forte la spinta di unirmi sempre più con chi sento in sintonia.
    Un abbraccione.
    Renzo

    Mi piace

    1. Renzo caro, il cammino terreno é fatto di prove, ognuna, per quanto difficile, perfettamente superabile. Quando accadono cose così ritengo sia naturale fermarsi, riflettere, comprendere; in un momento come questo poi, di fronte ad ogni prova, fermarsi ad ascoltare é una tappa obbligatoria in quanto ora tutta la teoria acquisita dev’essere messa in pratica.
      L’Amore… un’emozione che adesso pretende di emergere e lo fa nei modi più improbabili perché vuole essere ascoltato, accolto, accettato. Dunque stai. Stai dentro queste emozioni che ti giungono dalla radice della tua Fiamma Divina, stai lì senza domande, senza pensieri, senza cercare di controllare ciò che arriva, semplicemente stai. Stai anche se fa male, anche se inizialmente ti senti dilaniato e pervaso da molteplici emozioni che risalgono dall’essenza con la piena consapevolezza che attraverso questo stai compiendo uno dei passi più importanti del tuo cammino… stai divenendo Luce!
      Mira dunque, lascia che l’ombra ti avvolga senza timore perché oltre l’infinito ti illuminerà per portarti a risplendere.
      Ogni stella per brillare ha bisogno del buio fitto.
      Consenti a te stesso di brillare Renzo, questo é tempo.
      Un abbraccio ❤

      Mi piace

      1. Un immenso grazie Cara Stefania e grazie per essere quà in questo periodo; risulta chiaro che senza un preciso piano, chi resisterebbe?.
        Il Tuo messaggio è pieno di saggezza e totalmente privo di giudizi ed altro di negativo ed è questo che aiuta veramente, da Cuore a Cuore, pur passando attraverso scritti materiali, come se la vibrazione dello scritto “fosse” Rappresentante del Cuore stesso.
        Gurdacaso cosa ho letto subito dopo la Tua meravigliosa risposta:
        http://www.coscienzanuova.net/2017/02/15/la-morte-un-rinnovamento/
        Cit: (L’Amore… un’emozione che adesso pretende di emergere e lo fa nei modi più improbabili perché vuole essere ascoltato, accolto, accettato. Dunque stai. )
        Devo solo “permettere” che ciò avvenga.
        Grazie ancora.
        Un abbraccione a Tutte/i affezionate/i di FIAMMA DIVINA.
        Renzo

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.