UN SEME CERCA ALTRI SEMI CON CUI CONGIUNGERSI NEL 2018

Il punto è che è necessario tornare alla terra. Per alcuni un’esigenza che si fa sempre più impellente, prepotente.
Ma cosa vuol dire tornare alla terra?
Vuol dire tornare alle origini.
Semplicemente.
Ho dentro il desiderio ardente e la visione prorompente di un luogo; una casa grande e grande terra intorno. Vedo persone che vivono in condivisione e che vibrano con lo stesso intento: vivere!
Vivere pienamente un quotidiano fatto di spirito nella materia. Individui che lavorano dando energia a ciò che creano e che, in perfetta simbiosi con il cosmo, vibrano ardentemente risplendendo.
Un luogo che sia il centro che manifesti la spiritualità dove la condivisione regni sovrana e che produca frutti dalla terra e dall’essere, attraverso le proprie mani, che poi ramifichi, creando altre realtà in cui portare ciò che dal centro nasce. Ecco allora il sorgere di botteghe con frutta e verdura, lavorazioni a mano, luoghi in cui si racconti che esiste un centro dove vivere. Vivere davvero!
Dove l’antico si amalgama al contemporaneo e la conoscenza antica si tramandi alle nuove genti, alle nuove generazioni.
Nella consapevolezza che esiste la tecnologia e la possibilità di farne buon uso… perché ora credo possibile e assolutamente giusto unire ciò che siamo stati con ciò che siamo diventati senza privarci di nulla. Dunque vivere l’abbondanza della semplicità e dell’armonia.
Contadini contemporanei che lavorino la terra, sensitivi, astrologi, tarologi, veggenti, terapisti di ogni disciplina; costruttori che utilizzino strumenti innovativi, avvocati che portino il senso delle cose, medici che vadano davvero dentro, calzolai che producano con amore, artisti che manifestino forma e colore, cuochi che diano ulteriore vita al cibo, comunicatori di ogni dove che portino i loro messaggi, erboristi che curino, dentisti che parlino con ogni dente, camerieri e giullari che portino allegria, musicisti che accendano la vibrazione dentro, fotografi che immortalino l’infinito, ingegneri e architetti che diano vita a costruzioni ideali in sintonia con le necessità dell’essere e dell’ambiente e poi costruttori, tessitori e sarti che diano vita a forme e colori, maestri che donino ai bambini conoscenza.
Un luogo dove ogni mestiere abbia nel suo centro vibrazione, spiritualità e profonda connessione con il cosmo.

Ora… nel comporre piccoli passi sento parlare di denaro, permessi, business, sento parlare di difficoltà di realizzazione e di richiesta di una progettualità ben precisa. Tutte cose normali e ovvie perché viviamo nella materia e dalla materia andiamo a ricongiungerci con l’essenza per divenire. Allora sì, sento, vedo e percepisco che si può fare e che nell’unione di intenti tutto può prendere forma e vita.
So che un luogo in questa meravigliosa terra, Nerja (Andalusia, Spagna), in cui mi trovo, carica di vibrazione ed energia mi sta chiamando, mi sta aspettando; magari non oggi, non domani, ma la troverò.
Nascerà e avrà un nome antico che risuonerà nel Cuore di molti individui contemporanei che hanno in se una Fiamma che arde.
Eccolo qua il mio seme, seme che desidera congiungersi ad altri semi e che diverrà un albero meraviglioso in cui, al calar della sera, sedendo ai suoi piedi, molte cose saranno raccontate e condivise e che darà energia e riparo donando continuamente linfa per alimentare la Fiamma Divina presente in ognuno di noi.
Apro questa porta dunque, se in giro per il mondo ci sono semi che rappresentino ogni ramo spirituale, professionale e artigianale che si sentono richiamati mi contattino e creino insieme a me parte del Nuovo Mondo.
Insieme tutto è possibile.

Se queste parole risuonano in te contattami: semecercaseme@gmail.com

Con Forza, Coraggio e Fede.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

UN CAPOVOLGIMENTO PORTA RIVELAZIONE E CONDUCE AL COMPIMENTO.

capovolgimento

 

Mercoledì 25 Maggio 2016

Intorno alle 23 comincio a sentire molte presenze in casa, molti rumori si manifestano, avverto l’unione o comunque l’accavallamento delle dimensioni.

La visione si manifesta.

Mi trovo alla Sacra di San Michele come sempre, ormai da tempo è sospesa e alla base presenta un vortice di energia con la punta a contatto con la terra.

Mi dirigo verso la statua di Michele e la guardo con attenzione, sentendomi in compagnia comincio a parlare raccontando cose mie legate ad emozioni e situazioni che sto vivendo.

Tutto intorno è pace.

Il cielo si fa buio, mi guardo intorno restando in silenzio.

In modo fluido la Sacra si capovolge ed io con essa.

Mi sento bene, non avverto alcun fastidio o disagio legato a questa nuova condizione, so di essere a testa in giù, ma tutto è tranquillo, lo percepisco come naturale.

Sporgendomi dalla balconata vedo rivolto al cielo il vortice di energia che esce dalla base della Sacra.

Dalla punta dello stesso, un lampo, come scosse elettriche, creano un filo piuttosto spesso molto luminoso che entra poi nel cielo inoltrandosi nel cosmo.

Giovedì 26 Maggio 2016

Tutto rimane invariato alla Sacra di San Michele, restando lì però si alternano flash in cui vedo una grande palla bianca luminosa arrivare a gran velocità.

Venerdì 27 Maggio 2016

Grandi eventi presto si manifesteranno.

Il “rovesciamento” richiede un grande quantitativo di energia che non passerà inosservato alla percezione umana.

Non si ribaltano i poli della terra, ancora, gira la vibrazione che muta l’essenza.

L’elica è pronta.

La precarietà manifesta sussulti assestanti che creano il nuovo equilibrio in ogni essere vivente, in alto e in basso.

Ora ognuno vede ciò che è, tutto è davanti agli occhi. La percezione che nel tempo lineare è stata manipolata e distorta ora diventa limpida. Adesso si vede e distogliere lo sguardo non è più possibile.

L’allineamento nel cielo che precedentemente mi ha mostrato il Diamante rivela la nascita e la morte, che nell’avvicendarsi si intrecciano come situazioni distinte, portano a comprendere che fanno parte della stessa radice.

La radice si scopre per cogliere l’energia del cosmo che manifesta la conoscenza antica e la riporta in superficie perché tutto è sempre stato coperto, ma è sempre esistito.

Sabato 28 Maggio 2016

Tutto resta invariato alla Sacra di San Michele, ma guardando lo spesso filo di luce che si perde nel cosmo vedo che dall’alto prende a pulsare spingendo verso il basso energia che penetra nella Sacra e avvolge ogni cosa, me compresa.

La grande Madre si prepara ad accogliere la nascita della nuova vita, un graduale passaggio accompagna l’essere verso il palesarsi del Nuovo Mondo, l’elica è ora piena di materia nuova, il processo di integrazione procede.

L’ultimo trimestre conduce al compimento.

La Luna nuova porta il manifestarsi della rivelazione e amplifica il compimento.

Il parto è ormai prossimo.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

QUANDO LA MENTE SEGUE IL CUORE TUTTO DIVENTA SEMPLICE

quantico

Certe cose fanno parte della quotidianità, questo è indubbio, ogni mattina ci alziamo e cominciamo una nuova giornata fatta di impegni e responsabilità pratiche, materiali. Ogni sera, stanchi, ci accingiamo a riposare per poter poi affrontare un nuovo giorno… allo stato attuale delle cose questa è la vita.

Eppure c’è dell’altro e con continuità s’insinua in noi, poco importa se ne siamo consapevoli o meno, accade.

Certo, sembra che dal mio punto di vista, solo perché vedo, sento, percepisco, tutto sia all’acqua di rose, beh, non è così, anzi, proprio l’opposto. Lo vedo da cosa mi scrivete che l’impressione è questa.

Le persone come me è un po’ come fossero in prima fila a prendere gli schiaffi della vita, avvertono l’energia che arriva e porta malessere, fisico o morale, le persone come me sentono a ciel sereno che sta per arrivare la tempesta e puntualmente sono le stesse che incontrate per strada senza ombrello, così la pioggia la prendono tutta. Questo accade perché le persone come me in questo modo possono raccontare prima come andrà poi.

Le persone come me dall’inferno sono tornate e non hanno nulla da perdere.

Funziona così, bisogna scendere molto giù e perdersi per poi ritrovarsi e mettersi in cammino verso la Luce e cosa ancor più fondamentale, bisogna crederci.

Crederci anche quando tutto rema contro.

Ma il credere non è limitato ad un’idea farlocca, credere è sentire dentro che tutto presto cambia, poi se a questo si unisce la percezione, il sentire, la visione, ecco che le persone come me scelgono di raccontare, sanno che qualcuno le ascolterà, sanno che qualcuno dentro di se avvertirà che le cose possono essere diverse e allora comincerà a riflettere in modo diverso, fare in modo diverso, creare in modo diverso, scegliere in modo diverso. Tutto questo è amplificato da un Piano Divino preciso per il quale molto sta mutando portando il nostro pianeta e noi esseri umani ad un cambio di frequenza elevato che ci sta conducendo verso un’epoca totalmente nuova consentendoci di cambiare il sistema nel quale viviamo in termini pratici.

Sì, perché qua si vogliono le cose concrete, pratiche!

Ora, alcuni mi scrivono…

“Ma questo cambiamento non si sente”..

“Gli alti e bassi nella vita sono una costante”..

“Io non vedo nulla di diverso”..

Ecco, io lo capisco, non è semplice, ci va un atto di volontà, ma si può fare, con questo non voglio convincere nessuno, non è mio compito, ma molte cose stanno cambiando, basta davvero uscire fuori dal balcone per vederlo. Un esempio pratico per me è stato un paio di sere fa, ero fuori, su entrambi i lati della casa in cui vivo c’è un giardino abitato da tanti scoiattoli, ebbene, erano le 19,40 circa, in questi giorni a Torino fa un gran freddo, siamo in inverno, eppure gli uccellini cantavano come fosse mattina all’alba in primavera. Certo, per alcuni non sarà una grande notizia, però la dice lunga considerato che in pieno inverno, la sera, al buio gli uccellini dormono. Insomma, si vuole sempre cercare la rispostona a tutto mentre le cose sono semplici, basta solo mettersi in ascolto e di esempi ne possiamo trovare a bizzeffe.

Lo so, alcuni diranno che ciò è dovuto alle scie chimiche, al controllo climatico, ma onestamente non credo davvero che la mano umana possa superare quella di Divina… insomma, indubbiamente l’essere umano ci prova a prendere il controllo, ma davvero, ci prova.

Per quanto riguarda i vari stati emotivi accentuati dall’ingresso di potenti energie, sono d’accordo sul fatto che nella vita gli alti e bassi sono una costante, anche io, come tutti, ho alti e bassi, ma ciò che cambia è la vibrazione, l’intensità dello stato emotivo in questione, nel bene o nel male tutto è davvero più forte e in questo periodo soprattutto volge alla totale risoluzione, ecco perché si chiudono rapporti, se ne aprono altri, si cambia casa, lavoro, si tocca il fondo e si risale, ecco perché adesso è tutto così estremo. Dunque comprendo che gli scettici possano dissentire, ma sono convinta che riflettendoci si noteranno delle differenze.

Poi ecco chi dice di non vedere nulla di diverso, beh, anche in questo caso consiglierei di fermarsi un attimo. Il cambiamento arriva in punta di piedi, i più grandi cambiamenti epocali sono stati graduali. Pochi si accorgono di essere dentro un cambiamento, è una cosa che si nota dopo, quando questo è arrivato. In questo momento tanti parlano della crisi, della guerra, del lavoro che manca, delle notizie di cronaca… eppure, proprio in questo momento il cambiamento avanza, silenzioso, procede inesorabile e in verità va anche a passo spedito, ma noi che ci stiamo dentro corriamo così tanto che non tutti ci fanno caso, molti sono presi da altre cose e tanti preferiscono piangersi addosso.

Eppure c’è, che ci crediate o meno, c’è.

Che poi in fondo, credo che il fulcro di tutto sia dato dalla mente che cerca risposte ed elabora, mentre il Cuore, una volta che la Fiamma arde, trova risposte semplici. Ecco che in tempi come questo l’inversione di rotta è necessaria, che sia la mente a seguire il Cuore e non viceversa, perché la verità è sotto i nostri occhi, bisogna solo smettere di voler elaborare tutto.

Concludo riportando una frase che mi ha colpito molto mercoledì scorso mentre seguivo una sere tv.

Più a lungo ti soffermi su qualcosa più quella cosa diventa sfocata.
Trovare la verità può essere semplice, è accettare la semplicità che è difficile.
Siate Luce!
Stefania Ricceri

IL SOLE E LA SAPIENZA ANTICA

TerraSoleLuna

In un giorno come questo, dove le energie si muovono in modo davvero amplificato, ogni cosa parla e rivela…

Io non so nulla di astrologia, di numerologia e tanto meno conosco come il sole lavora se non attraverso Maria Rosaria, Cammina nel Sole, ma una cosa la conosco davvero bene e sono i Tarocchi, quando li apro mi parlano e per ovvi motivi quando vedo dei numeri per me è inevitabile non associarli alla carta corrispondente.

Una sapienza antica la loro che nel contemporaneo non sbaglia un colpo, esprimono appieno ciò che accade e raccontano molto se ascoltati in profondità.

Andiamo per ordine…

la luna nuova

Oggi è l’11 – 11 – 2015

11 – LA FORZA:

Rappresenta per l’appunto la Forza, l’intelligenza che domina la brutalità, nello specifico parla della forza dell’uomo che permette il completamento delle sue intenzioni.

11 + 11 = 22 – IL MATTO

Rappresenta Il Congedo, spiega che il finire delle cose rappresenta il completamento del ciclo, si abbandona, lascia cadere il suo fardello perchè ha compreso che per procedere dev’essere vuoto e allora intraprende un nuovo cammino.

2015 – 2 + 0 + 1 + 5 = 8 – LA GIUSTIZIA

Rappresenta L’equilibrio, espressamente dice: “L’equilibrio nel guardare le cose del mondo segue il destino”… con la sua spada non lascia impunita nessuna violazione, mentre con la bilancia d’oro rappresenta la legge divina che ripara gli errori commessi riportando equilibrio e armonia.

La Luna Nuova fa capolino oggi alle 18,47, anche qua va da se…

18 – LA LUNA

Rappresenta Il Ricordo, l’inconscio che emerge, un profondo stato dell’essere…

1 + 8 = 9 – L’EREMITA

Rappresenta L’Introspezione,  necessaria nell’evoluzione della realizzazione perchè produca mutamento, quindi parla di osservazione, spiritualità, riflessione, guardarsi dentro.

47 – 4 + 7 = 11

LA FORZA! Qua amplifica la sua valenza, in quanto associata all’inconscio della Luna che emerge e porta all’Eremita che si guarda dentro, ecco che si comprende che la Forza non è fuori, ma dentro ognuno e adesso è pronta a manifestarsi.

 

Nel rituale che ogni mattina svolgo per compredere l’evolvere della giornata, ieri si presenta il 13, una giornata molto energica devo dire, piacevole e fluida, ma è stato la sera che ho compreso davvero cosa volesse dirmi quel numero.Scambiavo una chiacchiera con Maria Rosaria, parlavamo della potenza che questo giorno avrebbe avuto, ecco che poi va a dare un occhio al sole e mi manda questa:

sole alato

Mi fa notare la macchia al centro del sole che mostra l’essere di Luce alato di cui parlai pochi giorni prima dandomi conferma della visione avuta, io non solo resto affascinata da questa meravigliosa formazione, ma guardo l’ora in cui questa è stata ripresa ed erano le 13:13!

13 – LA MORTE

Rappresenta Il Sovvertimento, nello specifico dice: “Il Sovvertimento rivela nuove forme”.. direi che il messaggio è forte, parla di grande cambiamento, evoluzione, rinascita a Nuova vita, pratica e spirituale.

Un grande messaggio davvero!

Tutto ciò amplificato dal ripetersi e senza contare che riconduce all’Equilibrio dato dalla Giustizia in quanto 13 + 13 = 26… 2 + 6 = 8

Ecco, potete constatare da voi come tutto riconduce all’armonia, all’equilibrio, al nuovo che avanza e prende vita sempre più.

Ma non finisce qui, tanto per cambiare, sempre Maria Rosaria, questa mattina posta sul suo sito un bellissimo articolo dove parla proprio della Luna Nuova di oggi ed ecco che leggo questo:” Il Sole e la Luna saranno congiunti a 19 gradi dello scorpione, il 19 è il numero del Sole nelle carte dei Tarocchi “

Ahhhh… pane per i miei denti e assoluta conferma ulteriore del mio sentire!

19 – IL SOLE

Rappresenta L’Organizzazione Sociale, la massima espressione della Luce, della riuscita, dell’armonia, della pace, racconta per l’appunto del sociale, di ciò che emerge e viene alla luce, tutto ciò che, in modo totalmente nuovo viene affrontato, ulteriormente amplificato dalla comunicazione che il Sole fa dicendo:”La fratellanza, nell’uomo che ragiona, porta alla comunità organizzata”

Questo il completamento assoluto di tutto, la massima espressione di ciò che sta accadendo dentro e fuori di noi, per quel che sono le mie poche conoscenze, lo scorpione è un segno d’acqua, ma sta sotto la terra, mi da l’impressione di un essere molto profondo che manifesta il suo essere solo quando necessario senza mai fare o dire le cose a caso, mira dritto al punto ed emerge solo per mostrare l’evidenza delle cose, lo scorpione lo possiamo trovare anche nella carta della Luna, rappresenta l’inconscio, quindi tutto ciò che sta sotto.. ora, considerato che il sole lo illumina, a mio avviso molte cose presto emergeranno e lui avrà davvero tante cose da rivelare, ma il caldo Sole darà la giusta dose di energia per ricostruire quanto a breve, inevitabilmente, punto dal pungiglione velenoso, crollerà.

Ecco di cosa mi parlano questi numeri, ecco come parlano i Tarocchi.

In modo semplice dicono davvero tante cose.

Uno strumento antico può diventare molto prezioso in tempi unici e speciali come questo.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

 

BENVENUTI NELL’INFINITO SPAZIO DELLE POSSIBILITA’, BISOGNA SOLO SCEGLIERE!

buco-bianco

I cerchi si sono chiusi, la separazione è avvenuta, i giochi sono fatti, questo comporta il palesarsi delle conseguenze delle nostre scelte, ma ciò non vuol dire che adesso non abbiamo più possibilità di scegliere, anzi, la possibilità di scegliere adesso è ancora più grande per il semplice fatto che in questo preciso istante stiamo constatando sulla nostra pelle i risultati delle scelte fatte e abbiamo così modo di comprendere se ciò che vediamo ci piace o meno…

Tutto è amplificato, ciò che abbiamo davanti presenta il conto nel bene e nel male, ci stiamo accorgendo che o siamo impantanati o siamo più leggeri, lo avvertiamo dentro come una spinta a procedere o come se un grosso peso ci schiacciasse. Ecco dunque dove dobbiamo osservare, nell’emozione. La nostra anima volge all’evoluzione e la nostra mente alla stasi, questa dura lotta ormai sta per terminare ed è qui che si possono compiere passi determinanti per lo sviluppo del cammino individuale.

In questo preciso momento.

Ma la scelta comporta l’azione, quella vera, espressa da fatti concreti volti nella direzione intrapresa.

Scegliere di assumenrsi la propria responsabilità.

In questi giorni mi avete scritto di tutto, chi riesce, chi si crogiola nel vittimismo, chi ritiene che non ci sia scelta, chi pensa che esistano dei livelli e gradi, chi ha deciso di mettersi in viaggio in cerca del proprio cammino e chi ha gettato la spugna.

Queste sono tutte scelte, ognuno la propria, anche senza esserne coscienti tutte queste persone hanno fatto una scelta, la propria. Ma la domanda da farsi è:

Sono pienamente soffistatto/a della mia scelta?

Sto bene in questo contesto?

Se la risposta di getto, che parte da dentro, porta un’emozione rassicurante è si, se emerge un’emozione di timore o disagio direi che è decisamente no!

Poi ecco presentarsi un altro punto a cui prestare attenzione, la risposta arriva sempre dal cuore, attraverso le emozioni, ma poi sale e viene accolta dal cervello che elabora razionalmente e tende a voler predominare perchè teme il rischio, teme il cambiamento.

Qui entra in ballo un ulteriore scelta… ascolto il Cuore o la mente?

Se posso dare un consiglio, io opterei per il Cuore, ma la scelta è personale…

Adesso questo è, compiendo i primi timidi passi nel nuovo mondo, paradossalmente è come se stessimo camminando nella terra di mezzo avendo ampia la visuale di ciò che ci circonda, a sinistra risiede lo spazio delle infinite possibilità, a destra il ristretto spazio della razionalità, del calcolo, della materia.

Abbiamo il vecchio che muore e il nuovo che avanza, il vecchio, rantolando, cerca di riprendere forza dando il peggio di se, il nuovo, illuminando, offre una prospettiva così diversa delle cose che tanti si sentono destabilizzati e non comprendono cosa stanno vedendo per il semplice fatto che non lo hanno mai visto e spesso rifiutano di lavorarci sopra al fine di acquisire quanto di bello è arrivato preferendo crogiolarsi nel vecchio piuttosto che andare incontro a quella ventata di colore che tanto, a grande velocità, sta prendendo il sopravvento su ogni cosa.

Sulla linea che percorriamo possiamo vedere, questo è pressocchè illuminante a mio avviso, possiamo avere un’ampia visione d’insieme e metterci ad osservare se ci piace o meno, se virare o meno, se restare fermi o meno.

Possiamo scegliere!

Taluni poi, anzichè guardarsi attorno con attenzione guardano in alto e aspettano…

Continuano a procrastinare aspettando la manna dal cielo senza ancora comprendere che siamo fatti di polvere di stelle… Siamo noi stessi il cielo che vediamo lassù, siamo la potenza che muta gli eventi, i condottieri che la vita la prendono a morsi e se la gustano.

Sempre lì quindi, questione di scelte.

Ma stare fermi ad aspettare che arrivi qualcosa da fuori non credo che porti molto lontano, eppure diciamoci la verità tanti stanno messi così, aspettano che da fuori qualcuno o qualcosa li colga e stravolga la loro esistenza fatta di totale stasi.

Si dice “aiutati che Dio (o chiamatelo come volete) ti aiuta”… che l’azione porta risultati, che muoversi crea e muta… io direi che è giusto e vero.

Ma tutto parte da dentro, tutto ciò che vediamo là fuori altro non è che il riflesso di ciò che dentro siamo, potete non crederci, ma questa è la verità e non lo dico io perchè stamattina mi sono alzata più pazza del solito, lo dicono i fatti, sono quelli che contano.

E allora, osserviamo con attenzione, nella nostra vita, quali sono i risultati che abbiamo ottenuto?

Almeno con noi stessi cerchiamo di essere sinceri.

Credere o non credere.

Muoversi o stare fermi.

Avere fede o no.

Guardare dentro o fuori.

Queste sono tutte scelte e anche scegliere di non scegliere è pur sempre una scelta.

Ma essenziale è assumersi la responsabilità, perchè nella misura in cui si è responsabili delle proprie scelte si potrà vivere in armonia, non importa se la scelta in questione è condivisa o meno, importa la propria pace interiore, e nel cammino evolutivo tutto riconduce a questo.

La pace interiore.

Io scelgo!

Ogni giorno mi muovo nello spazio e mi assumo la responsabilità di essere felice, progetto e creo per amplificare la mia felicità, cammino e osservo, scelgo costantemente di essere e plasmare il mio essere in funzione di ciò che sento nel mio Cuore e lascio che l’emozione salga e raggiunga il cervello carica di energia che soffoca la mente ed espande la Fiamma Divina affinchè possa realizzare la missione in questo corpo fisico.

Ho scelto di andare avanti senza curarmi del consenso, ho scelto di procedere per me stessa, ho scelto di riflettere luce anzichè ombra o mistero, ho scelto di andare oltre le apparenze e viaggiare comoda, senza gingilli che appesantiscono, ho scelto la semplicità, ho scelto di fluire, ho scelto di condividere, ho scelto di andare oltre la ragione e percorrere la via che vira a sinistra affinchè, nell’infinito spazio delle possibilità, io possa realizzare la missione a cui la mia anima anela, scelgo di aprire una porta e varcare la soglia andando incontro a quanto di meglio questo cammino terreno possa offrirmi.

E tu?

Tu cosa scegli?

BENVENUTI NELL’INFINITO SPAZIO DELLE POSSIBILITA’, BISOGNA SOLO SCEGLIERE!

Siate Luce!

Stefania Ricceri

 

Una ventata di aria NUOVA!

i miei Tarocchi

Quest’ultima settimana è stata davvero piena di eventi e segni che mi hanno portato a tutto ciò che sto per raccontarvi, ho compreso ancor di più che nulla è lasciato al caso e che il Disegno Divino compie grandi passi ogni giorno in modo perfetto ed armonioso.

Dentro sento forte da un po’ la voglia di creare, costruire, ampliare, so che questa cosa non riguarda solo me e che un po’ tutti avvertono o cominciano ad avvertire questa cosa dentro. Si sente una grande spinta a fare le cose in modo nuovo lasciandosi alle spalle tutto ciò che ormai è vecchio, in tutto questo io non sono da meno ed ecco perchè voglio raccontarvi quanto mi è accaduto ed ho elaborato in questi giorni.

Pensavo già di dare un volto nuovo al blog, renderlo più interattivo e offrire sempre più la possibilità di mettersi in contatto con me perchè sono davvero tante le persone che mi scrivono, in tutto questo però spesso succede che chi mi contatta mi chieda di aprire i miei Tarocchi per loro dando così risposte a crucci e dubbi inerenti alla loro vita pratica.

La mia risposta è sempre stata no, le domande che ricevo sono legate ad aspetti prettamente materiali che nulla hanno a che vedere con ciò che piace fare a me quando apro i Tarocchi. Nelle mie chiacchiere mattutine con Maria Rosaria Iuliucci, Cammina nel Sole, ne abbiamo parlato a lungo, ho passato tanti anni a fare consulenze, non sto a raccontarvi la mia storia, ma posso assicurarvi che inizia da molto lontano, tutto era basato sulle domande inerenti all’amore, il lavoro e via discorrendo, credete, le mie orecchie hanno ascoltato cose inenarrabili negli anni, storie davvero malate e contorte, situazioni dispertate in cui si prospettavano scelte altrettanto disperate e in tutto questo ho sempre cercato di andare in profondità tentando di far comprendere alle persone che consulavo che bisognava risolvere le cose dentro, alla radice, ma data l’errata credenza che c’è riguardo i Tarocchi e chi li legge ho sempre trovato grandi difficoltà nel far comprendere che questo meraviglioso strumento serve a ben altro, ecco perchè ho deciso di lasciare.

Ho avuto una Maestra meravigliosa che tanti anni fa mi ha insegnato a leggere i Tarocchi in modo profondo, mi ha donato quest’arte antica e sopraffina credendo nelle mie potenzialità e dicendomi che dentro di me c’era qualcosa di grande che dovevo far maturare.

Aveva ragione, ma allora non comprendevo cosa volesse dire realmente…

Tornando alle chiacchiere mattuttine con Maria Rosaria, le racconto che tanti mi scrivono perchè io legga loro i Tarocchi, le ho ricordato il modo in cui mi piace usarli, lei lo sa perchè è accaduto che glieli leggessi e sa come vanno dentro e come illuminano il cammino se usati nel modo giusto, quindi mi ha detto testualmente: “Tanto ben di Dio non puo essere messo nella cassapanca”!, mi ha così consigliato di rifletterci.

Ebbene, ci ho riflettuto a lungo e ho deciso che riapro questa porta a chi desidera ricevere una consulenza da me, solo che fin da subito dev’essere chiaro che non risponderò a domande prettamente pratiche, niente domande inerenti ad argomentazioni già citate sopra, tutto deve volgere alla comprensione profonda delle cose che conseguentemente porta a risultati diversi in ogni ambito.

LA LETTURA DEI TAROCCHI APRE LE PORTE AL CAMMINO EVOLUTIVO contemplando la via precedente e quella attuale aprendosi poi ulteriormente al consiglio, che portato nella profondità dell’essere può davvero cambiare il cammino dell’individuo. 

Per questo motivo nella Home del blog, da oggi, insieme ad un nuovo volto e la possibilità di interagire maggiormente con me, troverete una pagina apposita che vi spiegherà come fare per ricevere una consulenza.

Detto questo, nel turbinio di energie che ci stanno spettinando tutti al fine di rigenerarci totalmente…

Siate Luce!

Stefania Ricceri

 

 

 

Settembre 2015: La trasformazione indica la direzione, ogni passo scandito nell’Amore.

pianeta-terra-spazioL’aria che ascolto da i brividi, i rumori della città sembrano un ricordo lontano,                    il silenzio regna sovrano.

Il cuore rallenta, lo sento scandire i battiti, quieto.

Mentre la luce avanza osservo le ombre scomparire, i colori diventano nitidi e brillanti, le forme si rivelano, i suoni ampliano la frequenza vibratoria e creano pace.

Scorgo attorno la freneticità, eppure paradossalmente tutto sembra muoversi lentamente.

L’origine delle cose è scandito dal battito del nucleo che mette in circolo nuova linfa e la fa traboccare dal suolo, la sua pelle, la terra.

Terra fresca, profumata.

Ecco cosa si dirige verso di noi.

Nel frastuono e nel susseguirsi degli eventi che precipitano sempre più, questa è la direzione.

Il precipitare crea spazio, la possibilità di ricreare.

Il precipitare debella il marcio.

Il precipitare mette alla prova l’essere.

Se nel precipitare ci si scontra con la paura ci si perde nel nulla.

Se nel precipitare s’incontra la fede allora si trova il vuoto.

Non esiste “irrimediabile” perché dal nulla ogni cosa sarà riequilibrata e il vuoto lo assorbirà.

Niente va perso dunque, tutto semplicemente si trasforma e ciò che oggi è nero domani diventerà bianco e ciò che oggi è bianco domani diventerà espansione totale dell’essere.

La terra si prende cura dei suoi abitanti e ciò che oggi risucchia domani lo riporta a nuova vita.

La terra si prende cura dei suoi abitanti e chi passeggia sul suo suolo riceverà ogni sostentamento da lei e dall’universo, tutto.

Il sole scalderà, alimenterà, assorbirà e modellerà ogni cosa.

Dal cielo l’acqua alimenterà ogni creazione e tutto si muoverà in modo armonioso e nel pieno rispetto della natura e del clima che non avrà più stagioni rigide.

Ogni essere presto muterà parte della sua forma, gli occhi saranno più scintillanti, la pelle più forte, la circolazione perfetta donerà al corpo vita e salute continua per lungo tempo.

Le funzioni cerebrali si amplificheranno e sarà possibile fare cose solo immaginate fino ad ora.

Ogni passo sarà scandito dall’amore, dalla fratellanza, dall’unione e dalla condivisione.

Tutto questo è già qui.

Siate Luce!

Stefania Ricceri